Pacifico Antico

18.00 

Gli era riuscito di tirarsi addosso un porno vampiro e adesso dimostrava novant’anni. Alla gente, nel condominio, aveva dovuto dire di essere il proprio nonno e che lui, se stesso, invece era rimasto via per lavoro. I fatti erano andati più o meno così.”

In una grande e anonima città, un moderno e anonimo seduttore, in bilico tra gelidi piani di adescamento e inaspettati impeti di romanticismo, trascorre l’inizio dell’estate corteggiando Giulia, una ragazza dello studio professionale dove lavora, in attesa di conquistarla, scaricarla e dimenticarsene partendo insieme a un gruppo di amici per una non identificata meta nel Pacifico.

Le cose però non vanno esattamente come dovrebbero, la realtà o quel che questo hollow man riesce ad afferarne, gli esplode in mano: i piani di seduzione e abbandono gli si ritorcono contro durante una cupa gita in montagna dove nulla è come dovrebbe essere e l’agognato viaggio “spirituale” in oriente si rivela un incubo horror dopo il quale niente sarà più come prima, a partire dal suo corpo precocemente invecchiato dopo il succhiotto di una misteriosa ragazza vestita di bianco.

Con uno stile ipnotico e incalzante, mischiando realtà, ricordo, sogno e delirio, Paolo Sus rilegge in chiave contemporanea il mito del Don Giovanni, l’ascesa e la caduta esistenziale e psicologica di un uomo smarrito, senza una vera identità, in balia del suo fragile ego che lo condurrà fino a lambire il territorio del regno dei morti.

54 disponibili

Categorie: , Tag:

Descrizione

Edizioni: Sartoria Utopia, 2021

Collana: La Gibigianna

Tiratura: 112 copie numerate (100 copie numerate da 1 a 100, 12 copie numerate da I a XII)

Copertina morbida, cucitura giapponese, segnalibro cucito di tela colorata

Pagg. 116

Formato: 17,5 x 12 cm

Paolo Sus (1979) vive e lavora a Milano, dove è nato. Inizia a scrivere a dodici anni, con un racconto che parla di sua madre che in segreto la sera va a fare la spogliarellista. La donna sconvolta nega tutto e vorrebbe che lui la smettesse subito, ma siccome a scuola lui si salva solo grazie ai temi, lascia perdere. Al giorno d’oggi, nonostante gli studi legali, ancora non la smette. Con l’artista Thomas Raimondi, ha realizzato il libro-zine Filosofia Barbara, che contiene nove racconti brevi.